ita   |   eng

NEWS

Mantieniti sempre informato sulle novità della Drogheria e Locanda Franci. Consulta tutte le informazioni, sfoglia le attività programmate durante l’arco dell’anno, scopri le promozioni e gli eventi da non perdere.
STORIA DI MONTALCINO
Tra vino e arte

STORIA DI MONTALCINO

Tra vino e arte

pubblicato il04/03/2015 19:43:47 sezione News

a cura di Antonio Maprosti

Montalcino è uno dei borghi più affascinanti della Toscana, si trova a sud di Siena ed ha una storia che si perde nei tempi. Probabilmente abitata fin da epoca etrusca, il suo nome viene fatto la prima volta in un documento risalente all’ 814 nel quale l’Imperatore Ludovico il Pio, concedeva il territorio “sub monte Lucini” all’abate dell’Abazia di Sant’Antimo. Fra le ipotesi che riguardano l’origine del nome ne troviamo due più attendibili. La prima lo fa risalire a “Mons Lucinus”, forse in riferimento alla parola etrusca “lucus” che significa “bosco sacro”. La seconda invece vuole che il nome di Montalcino derivi dal toponimo “Mons Ilcinus”, in latino “monte dei lecci”. Di sicuro sappiamo che il primo nucleo abitativo risalga al X secolo, periodo in cui si trasferirono in questo luogo gli abitanti di Roselle che sicuramente videro in questo colle, la cui vista spaziava sulle valli dell’Ombrono e dell’Asso, un luogo sano e soprattutto sicuro e facilmente difendibile. Pur vivendo un periodo di crisi come molti territori limitrofi, in epoca medievale Montalcino rimase un comune autonomo che godeva di particolare importanza grazie alla vicinanza con la Via Francigena. Quando però, nel tardo Medioevo, entrò a far parte dell’orbita di Siena, le sue sorti cambiarono e la Battaglia di Montaperti segnò l’inizio di un lungo periodo di lotte (fra Siena e Firenze e fra Guelfi e Ghibellini). Nel 1555 i nobili senesi, dopo la caduta della città, si rifugiarono a Montalcino dando vita alla Repubblica di Siena riparata in Montalcino, con la speranza di riprendersi presto la città. Alla fine però anche Montalcino cedette e venne annessa al Granducato di Toscana, rimanendovi fino all’Unità d’Italia. La fortuna della cittadina è però strettamente legata al suo territorio e alla coltivazione dell’uva che ha dato origine a uno dei vini più amati e conosciuti del mondo: il Brunello di Montalcino.

Condividi nei social network   

Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   

Leggi articoli simili

STORIA DI MONTALCINO

Tra vino e arte